Automodellando.it - Il portale dell'automodellismo statico - Problema di Metal Fatigue
    Automodellando.it - Il portale dell'automodellismo statico

Automodellando.it - Il portale dell'automodellismo statico
Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?

 

    


Menù riservato agli utenti registrati - Registrati  

Nota bene : -Il Forum dispone di un nuovo regolamento. Il bazar è chiuso definitivamente, sono vietati post di compravendita, I moderatori non sono più tenuti a spiegare il loro operato e c'è una politica di tolleranza zero. Chi non è d'accordo è PREGATO di cancellarsi



 Tutti i Forum
 AREA TECNICA
 Area Tecnica de "La Compagnia del Modello"
 Problema di Metal Fatigue
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:


Tutti gli utenti possono inserire NUOVE discussioni in questo forum Tutti gli utenti possono rispondere in questo forum
  Bookmark this Topic  
| Altri..
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

nikita
automodellantone



Inserito il - 13/03/2019 : 22:14:46  Link diretto a questa discussione  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di nikita Invia a nikita un Messaggio Privato Aggiungi nikita alla lista amici
Ho nella collezioni diversi Dinky di valore considerevole. Alcuni, soprattutto prima seconda guerra mondiale soffrono di metal fatigue

che misure conservatorie esistono per fermare questo? Avevo letto su un sito inglese che alcuni mettevano questi pezzi in resina per interrompere l'accesso dell'aria, pero insomma, il pezzo sarà distrutto visualmente. Qualche miglior idea?




Prov.: Estero  ~ Città: Lausanne, Svizzera  ~  Messaggi: 1487  ~  Membro dal: 26/11/2009  ~  Ultima visita: 14/10/2019

Google Adsense


Mountain View

eigi
Amministratore




Inserito il - 13/03/2019 : 22:55:53  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di eigi Invia a eigi un Messaggio Privato Aggiungi eigi alla lista amici
I Dinky di quel periodo sono soggetti a metal fatigue.
Purtroppo contro il metal fatigue non c'è niente da fare, è un cancro irreversibile.
Puoi solo tentare di rallentare il processo, ma l'intervento è invasivo è può essere pericoloso maneggiare un modello indebolito da metal fatigue perchè potrebbe "spezzarsi" tra le mani.
Devi smontarlo, sverniciarlo, riempire tutte le crepe con resina epossidica (o con acciaio plastico, o con cianoacrilato e bicarbonato), scartavetrare l'eccesso di resina, dare una mano di fondo, verniciare nel colore originario, stendere una mano di protettivo trasparente, rimontare il modellino con nuovi rivetti.
Il modellino non sarà più originale, ma (forse) ti accompagnerà per un po' più di tempo ancora.




 Regione Estero  ~ Prov.: Roma  ~ Città: Roma  ~  Messaggi: 8099  ~  Membro dal: 10/05/2007  ~  Ultima visita: 09/08/2019 Torna all'inizio della Pagina

Albe89
automodellandonissimo



Inserito il - 13/03/2019 : 23:06:56  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Albe89 Invia a Albe89 un Messaggio Privato Aggiungi Albe89 alla lista amici
che peccato vedere dei pezzi di storia ridotti così, però come dice eigi non c'è nulla da fare purtroppo.



 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ Città: (MI)  ~  Messaggi: 2079  ~  Membro dal: 13/01/2010  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

pierre911
automodellandonissimo



Inserito il - 13/03/2019 : 23:24:32  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di pierre911 Invia a pierre911 un Messaggio Privato Aggiungi pierre911 alla lista amici
Chiedo umilmente scusa per quanto sto per dire.
Ho avuto occasione di fare qualche giro(per lavoro soprattutto) in Inghilterra:belli quei castelli rimessi in piedi,ma si vede che non sono come erano ai loro tempi,quando furono costruiti.......hanno quella patina falsa del "rimesso a nuovo".Ho lavorato in Tunisia e ho visto con molto piacere i resti,ruderi,delle costruzioni romane:sono solo ruderi,ma hanno un fascino......
Purtroppo con i modellini soggetti al "metal fatigue"penso ci si debba comportare come per i ruderi delle favolose costruzioni di un tempo.......lasciarli cosi' come sono:GUARDARE E NON TOCCARE(fin che reggono).
E' solo il mio pensiero.




  Firma di pierre911 
pierre911

 Regione Veneto  ~ Prov.: Treviso  ~ Città: Quinto di Treviso  ~  Messaggi: 2822  ~  Membro dal: 20/12/2013  ~  Ultima visita: Oggi Torna all'inizio della Pagina

nikita
automodellantone



Inserito il - 14/03/2019 : 00:32:22  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di nikita Invia a nikita un Messaggio Privato Aggiungi nikita alla lista amici
Grazie per queste prime risposte.




Prov.: Estero  ~ Città: Lausanne, Svizzera  ~  Messaggi: 1487  ~  Membro dal: 26/11/2009  ~  Ultima visita: 14/10/2019 Torna all'inizio della Pagina

Alekar
automodellante



Inserito il - 14/03/2019 : 12:15:58  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Alekar Invia a Alekar un Messaggio Privato Aggiungi Alekar alla lista amici
pierre911 ha scritto:

Chiedo umilmente scusa per quanto sto per dire.
Ho avuto occasione di fare qualche giro(per lavoro soprattutto) in Inghilterra:belli quei castelli rimessi in piedi,ma si vede che non sono come erano ai loro tempi,quando furono costruiti.......hanno quella patina falsa del "rimesso a nuovo".Ho lavorato in Tunisia e ho visto con molto piacere i resti,ruderi,delle costruzioni romane:sono solo ruderi,ma hanno un fascino......
Purtroppo con i modellini soggetti al "metal fatigue"penso ci si debba comportare come per i ruderi delle favolose costruzioni di un tempo.......lasciarli cosi' come sono:GUARDARE E NON TOCCARE(fin che reggono).
E' solo il mio pensiero.


Ciao pierre, rispetto sempre le tue opinioni ma stavolta non sono d'accordo. Per me mantenere il fatiscente è solo un modo per non sperperare tantissimo denaro.
Di qualsiasi settore o oggetto vogliamo parlare per me la cosa giusta da fare è, se non c'è alternativa alla loro disfatta, assolutamente il loro restauro.




 Regione Lazio  ~ Prov.: Roma  ~ Città: frascati  ~  Messaggi: 592  ~  Membro dal: 12/12/2014  ~  Ultima visita: 14/10/2019 Torna all'inizio della Pagina

pierre911
automodellandonissimo



Inserito il - 14/03/2019 : 14:11:58  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di pierre911 Invia a pierre911 un Messaggio Privato Aggiungi pierre911 alla lista amici
Ok! E.......ripeto "é solo il mio pensiero".Ognuno é libero di fare restauri......Tu stesso ,comunque,dichiari:"se non c'é alternativa alla loro disfatta"!Sappiamo,almeno cosi' mi sembra,che il "metal fatigue" é paragonabile ad un "cancro"..........non mi spingo oltre.



  Firma di pierre911 
pierre911

 Regione Veneto  ~ Prov.: Treviso  ~ Città: Quinto di Treviso  ~  Messaggi: 2822  ~  Membro dal: 20/12/2013  ~  Ultima visita: Oggi Torna all'inizio della Pagina

crodeone
automodellantone



Inserito il - 14/03/2019 : 16:04:12  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di crodeone Invia a crodeone un Messaggio Privato Aggiungi crodeone alla lista amici
La mia Honda del 2005 si è letteralmente disintegrata, anche la sorella e ammalata e pure una Jordan dello stesso anno mostra qualche sintomo. Pensavo di essere stato io a sbagliare qualcosa nel modo di conservarle poi invece stavo per sostituirla con un altra presa su e-bay e onestamente chi la vendeva mi ha segnalato che era affetta della stessa malattia.
I modelli sono della Minichamps.




 Regione Friuli-Venezia Giulia  ~ Prov.: Udine  ~ Città: udine  ~  Messaggi: 1448  ~  Membro dal: 31/03/2015  ~  Ultima visita: 11/10/2019 Torna all'inizio della Pagina

nikita
automodellantone



Inserito il - 14/03/2019 : 23:47:35  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di nikita Invia a nikita un Messaggio Privato Aggiungi nikita alla lista amici
eigi ha scritto:

I Dinky di quel periodo sono soggetti a metal fatigue.
Purtroppo contro il metal fatigue non c'è niente da fare, è un cancro irreversibile.
Puoi solo tentare di rallentare il processo, ma l'intervento è invasivo è può essere pericoloso maneggiare un modello indebolito da metal fatigue perchè potrebbe "spezzarsi" tra le mani.
Devi smontarlo, sverniciarlo, riempire tutte le crepe con resina epossidica (o con acciaio plastico, o con cianoacrilato e bicarbonato), scartavetrare l'eccesso di resina, dare una mano di fondo, verniciare nel colore originario, stendere una mano di protettivo trasparente, rimontare il modellino con nuovi rivetti.
Il modellino non sarà più originale, ma (forse) ti accompagnerà per un po' più di tempo ancora.



Possibile di iniettare colla epossidica liquida con una siringa negli interstizzi semplicemente per non dover manipolare il modellino (un Dinky 25K)?




Prov.: Estero  ~ Città: Lausanne, Svizzera  ~  Messaggi: 1487  ~  Membro dal: 26/11/2009  ~  Ultima visita: 14/10/2019 Torna all'inizio della Pagina

Albe89
automodellandonissimo



Inserito il - 14/03/2019 : 23:59:47  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Albe89 Invia a Albe89 un Messaggio Privato Aggiungi Albe89 alla lista amici
Possibile sì, ma serve mano ferma e soprattutto una colla che non asciughi in pochi secondi come l'attack o credo si farebbe fatica a iniettarla.



 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ Città: (MI)  ~  Messaggi: 2079  ~  Membro dal: 13/01/2010  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

eigi
Amministratore




Inserito il - 15/03/2019 : 15:06:06  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di eigi Invia a eigi un Messaggio Privato Aggiungi eigi alla lista amici
nikita ha scritto:

eigi ha scritto:

I Dinky di quel periodo sono soggetti a metal fatigue.
Purtroppo contro il metal fatigue non c'è niente da fare, è un cancro irreversibile.
Puoi solo tentare di rallentare il processo, ma l'intervento è invasivo è può essere pericoloso maneggiare un modello indebolito da metal fatigue perchè potrebbe "spezzarsi" tra le mani.
Devi smontarlo, sverniciarlo, riempire tutte le crepe con resina epossidica (o con acciaio plastico, o con cianoacrilato e bicarbonato), scartavetrare l'eccesso di resina, dare una mano di fondo, verniciare nel colore originario, stendere una mano di protettivo trasparente, rimontare il modellino con nuovi rivetti.
Il modellino non sarà più originale, ma (forse) ti accompagnerà per un po' più di tempo ancora.



Possibile di iniettare colla epossidica liquida con una siringa negli interstizzi semplicemente per non dover manipolare il modellino (un Dinky 25K)?



Quando un modellino è attaccato così profondamente dal metal fatigue ogni intervento è paragonabile all'accanimento terapeutico, e c'è chi preferisce che il tempo faccia il suo corso.
Quel modellino è ormai spacciato. E' brutto dirlo, ma è così.
Ma è anche vero che può restare così ancora per anni, non è detto che si sbricioli domani. Tienilo presente.

Comunque, tutto è possibile, anche la siringa con la colla epossidica (o l'acciaio liquido) valuta tu la situazione.
L'importante è che, se decidi di intervenire col metodo della resina epossidica (o uno qualunque fra tutti gli altri prodotti detti), tu riempia bene tutte le crepe, sia quelle esterne che quelle interne, e ovviamente quelle passanti (cioè i buchi), come se stessi stuccando una qualsiasi superficie da rendere liscia e verniciabile.
Se riesci a farlo senza "manipolare" il modello buon per te ... però poi ti rimangono i residui di resina (o di ciò che sarà) sul modellino.
Tecnicamente sarebbe un rattoppo, e non un restauro.
Ma questo spetta a te deciderlo.




 Regione Estero  ~ Prov.: Roma  ~ Città: Roma  ~  Messaggi: 8099  ~  Membro dal: 10/05/2007  ~  Ultima visita: 09/08/2019 Torna all'inizio della Pagina

Alekar
automodellante



Inserito il - 15/03/2019 : 16:03:29  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Alekar Invia a Alekar un Messaggio Privato Aggiungi Alekar alla lista amici
Infatti! Un restauro è un procedimento tecnico o artistico che prevede il ripristino degli elementi danneggiati o mancanti utilizzando sistemi uguali o molto simili a quelli messi in atto alla creazione dell'oggetto stesso.
Quindi se tu volessi restaurarlo e non rattopparlo dovresti cicatrizzare quelle crepe con la medesima lega metallica, quindi una mini saldatura. Un lavoretto da veri professionisti!!!!!!!!!!!!
Attenzione da non confondere con l'acciaio liquido. Il termine può essere fuorviante, in quanto non ha nulla a che vedere coi metalli.




 Regione Lazio  ~ Prov.: Roma  ~ Città: frascati  ~  Messaggi: 592  ~  Membro dal: 12/12/2014  ~  Ultima visita: 14/10/2019 Torna all'inizio della Pagina

eigi
Amministratore




Inserito il - 15/03/2019 : 16:09:43  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di eigi Invia a eigi un Messaggio Privato Aggiungi eigi alla lista amici
Alekar ha scritto:

...
Attenzione da non confondere con l'acciaio liquido. Il termine può essere fuorviante, in quanto non ha nulla a che vedere coi metalli.


Esattamente.
L'acciaio liquido, da me menzionato anche come acciaio plastico, non è altro che una colla epossidica che simula l'acciaio per via del suo colore metallico.




 Regione Estero  ~ Prov.: Roma  ~ Città: Roma  ~  Messaggi: 8099  ~  Membro dal: 10/05/2007  ~  Ultima visita: 09/08/2019 Torna all'inizio della Pagina

pierre911
automodellandonissimo



Inserito il - 15/03/2019 : 17:09:51  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di pierre911 Invia a pierre911 un Messaggio Privato Aggiungi pierre911 alla lista amici
eigi dice bene,quando parla di"accanimento terapeutico"!Ogni altro commento,penso sia di troppo.



  Firma di pierre911 
pierre911

 Regione Veneto  ~ Prov.: Treviso  ~ Città: Quinto di Treviso  ~  Messaggi: 2822  ~  Membro dal: 20/12/2013  ~  Ultima visita: Oggi Torna all'inizio della Pagina

nikita
automodellantone



Inserito il - 15/03/2019 : 17:53:26  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di nikita Invia a nikita un Messaggio Privato Aggiungi nikita alla lista amici
Grazie ragazzi, passionnante. Forse meglio venderlo...



Prov.: Estero  ~ Città: Lausanne, Svizzera  ~  Messaggi: 1487  ~  Membro dal: 26/11/2009  ~  Ultima visita: 14/10/2019 Torna all'inizio della Pagina

edicolante
Amministratore

AM Staff


Inserito il - 02/08/2019 : 14:50:58  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di edicolante Invia a edicolante un Messaggio Privato Aggiungi edicolante alla lista amici
… vado controcorrente, io sono per il tentativo di restauro , prima cosa siringare in più volte con cianoacrilato ( se il modello è smontabile si spennella ) all'interno ,poi una vota consolidato il modello , decidere se riverniciarlo o ritoccarlo, se necessarie stuccature un buon sistema e quello di mettere il cianoacrilato nella fessura e quindi spolverarlo di bicarbonato oppure usare normale stucco da carrozziere avendo cura di applicare più mani sottili , poi rifinire il modello mediante carteggiatura utilizzando molta delicatezza , come si accarezzasseun neonato e quindi andare di vernice ---
tutto questo solo se è un modello d'epoca altrimenti non vale perdere tempo.
il metal fatigue è dovuto alla cattiva qualità dello zamac utilizzato , maggiore è la percentuale d'impurità , più sarà facile iche si inneschi questo processo,
Se andiamo a vedere questo fenomeno appare su modelli prodotti in determinate epoche , quelli prodotti a cavallo della seconda guerra mondiale quando era difficile approvigionarsi del prodotto e quindi si utilizzavano scarti fusi ed ora che la produzione viene fatta quasi esclusivamente in Cina.
Avete notizia di modelli prodotti negli anni 60/70/80 affetti da tale problema ? Io no
ci sono , è vero alcune eccezioni , tipo Brosol , metosul, nicky ,toys ,intercars ma guardate dove sono stati prodotti questi modelli Brasile , Portogallo, India ,Spagna, paesi con industria siderurgica usa ad utilizzare materi prime secondarie ottenute da riciclo ( badate bene anche queste andrebbero benissimo, a patto che fossero privati da scorie di altri materiali ).

in Italia il metal fatigue è ritornato alla ribalta con i veicoli pesanti della Iaxon , in special modo sui rimorchi degli autoarticolati , in quanto essendo lunghi e di piccolo spessore hanno finito prima con lo svergolarsi e poi col distruggersi.
Sempre rimanendo in Italia , si può constatare , come su pezzi con spessori minimi ,la comparsa del metal fatigue sia influenzata dal colore del modello . Il caso più appariscente è l'alfa 33 8 modello prodotto negli anni 90)della Ars che nei colori normali non presenta difetti , ma che nella versione taxi produce ( quasi nell' intierezza della produzione ) lo sgretolamento di porte e portellone, questo perché dato los spessore minimo di questi pezzi il cromo , presente nel colore giallo ( e spruzzato direttamente sul metallo senza base isolante ) accelera quel processo di elettroforesi che è alla base del metal fatigue …

Oh, oh mi sono dilungato troppo e son finito off topic , spero di non avervi annoiato …
… e ni raccomando , occhio ai cinesi




Prov.: Genova  ~ Città: sestri levante  ~  Messaggi: 3543  ~  Membro dal: 31/03/2006  ~  Ultima visita: 21/08/2019 Torna all'inizio della Pagina

Alekar
automodellante



Inserito il - 02/08/2019 : 17:42:27  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Alekar Invia a Alekar un Messaggio Privato Aggiungi Alekar alla lista amici
Molto interessante. Sei un'enciclopedia vivente



 Regione Lazio  ~ Prov.: Roma  ~ Città: frascati  ~  Messaggi: 592  ~  Membro dal: 12/12/2014  ~  Ultima visita: 14/10/2019 Torna all'inizio della Pagina

eigi
Amministratore




Inserito il - 05/08/2019 : 11:33:11  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di eigi Invia a eigi un Messaggio Privato Aggiungi eigi alla lista amici
edicolante ha scritto:

… vado controcorrente …

Oh, oh mi sono dilungato troppo e son finito off topic , spero di non avervi annoiato …
… e ni raccomando , occhio ai cinesi


Caro Claudio, vai pure controcorrente, dilungati e annoiaci, senza farti problemi; ogniqualvolta decidi di dedicare parte del tuo tempo in modo così appassionato e, soprattutto, istruttivo alla"causa", gli "obsoletari" (e gli appassionati in genere) te ne saranno grati.




 Regione Estero  ~ Prov.: Roma  ~ Città: Roma  ~  Messaggi: 8099  ~  Membro dal: 10/05/2007  ~  Ultima visita: 09/08/2019 Torna all'inizio della Pagina

Keep-all
iperautomodellante




Inserito il - 27/08/2019 : 14:25:38  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Keep-all Invia a Keep-all un Messaggio Privato Aggiungi Keep-all alla lista amici
Concordo con Alessandro.
Ringrazio infatti sia Claudio che lo stesso Alessandro per aver trattato e chiarito bene questo annoso problema del "metal fatigue" dei nostri modellini.
Personalmente ritengo che un modellino che soffra di questo sgretolamento, preceduto da crepe anche profonde e spesso rigonfiamenti, se possibile, va comunque salvato, sia se raro e di valore, che di poco conto. Soprattutto se, oltre ad essere appassionati, si è anche bravi manualmente come modellisti-restauratori.

E a proposito del modellino dell'Alfa 33 della Ars versione taxi, devo dire che anche il modellino in mio possesso, qualche anno fa, in pochi minuti si sbriciolò tra le mani, dopo averlo tolto dalla sua scatolina trasparente. Per non buttarlo, perchè veramente ridotto a pezzettini, con pazienza l'ho ricostruito con l'aiuto di pinzette e colla Uhu Attaccatutto. Infine, non avendo in quel momento prodotti specifici, l'ho spennellato completamente con una miscela di Vinavil e acqua. Ovviamente le portiere e i cofani non sono più apribili, ma ho salvato un modellino.
Da ormai qualche anno è lì, in qualche scatolone, ma dopo questo rudimentale, seppur efficace, trattamento, pare che non ci sia stato nessun peggioramento della scocca.

Grazie ancora dei consigli e delle informazioni dei nostri veterani moderatori.

Alberto




  Firma di Keep-all 
Ubi major, minor cessat
Le mie foto fatte in Croazia sono sempre QUI
Ora , ci sono anche alcuni modellini della mia collezioneQUI in scala 1:43 ed anche QUI in scala 1:24. Verranno anche gli altri, ma sono timidi.

 Regione Lazio  ~ Prov.: Roma  ~ Città: Roma  ~  Messaggi: 4858  ~  Membro dal: 27/11/2007  ~  Ultima visita: 10/10/2019 Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
  Bookmark this Topic  
| Altri..
 
Vai a:

Versione 3.4.07 by Modifichicci - Herniasurgery.it | Distribuito Da: Massimo Farieri - www.snitz.it - Versione Adamantine - Agg.07/11 | Crediti Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.07
Questa pagina è stata generata in 1,39 secondi.